Archivio Centrale dello Stato

Sala di studio

La Sala di studio ospita gli utenti che decidono di consultare in sede la documentazione secondo le modalità stabilite nel Regolamento.

Archivio centrale dello Stato-Sala di studio

Fino a nuove comunicazioni è in vigore il REGOLAMENTO STRAORDINARIO.


Per svolgere ricerche sui documenti custoditi dall’Istituto l’utente è tenuto a compilare e presentare la domanda di ammissione indicando le proprie generalità, l’oggetto della ricerca e le sue finalità. L’interessato dovrà inoltre dichiarare di essere a conoscenza e rispettare le norme contenute nelle Regole deontologiche per il trattamento a fini di archiviazione nel pubblico interesse o per scopi di ricerca storica pubblicate ai sensi dell’art. 20, comma 4, del d.lgs. 10 agosto 2018, n. 101 – 19 dicembre 2018
(Gazzetta Ufficiale n. 12 del 15 gennaio 2019).

L’Archivio centrale dello Stato assicura gli utenti che i dati personali contenuti nella domanda di ammissione sono gestiti nel rispetto delle norme vigenti e che sono utilizzati esclusivamente per scopi statistici.

La domanda di ammissione alla Sala di studio è sottoposta ad apposita autorizzazione del direttore o del funzionario di Sala. L’autorizzazione è valida per l’anno solare. Ogni nuova ricerca richiede una nuova domanda di ammissione.

Modalità e orari di distribuzione

Poiché i  pezzi  sono prelevati secondo orari determinati, gli utenti dovranno effettuare le richieste in tempo utile ovvero entro le ore 9.45 – 11.30 – 13.00 – 15.30. Il materiale richiesto viene collocato nello scaffale personale dell’utente, dove resta in deposito per una settimana. Lo scaffale di deposito è rinnovabile nei casi in cui sia necessario proseguire la ricerca. I tempi di consegna del materiale archivistico possono variare in base al numero di richieste della giornata e raggiungere un tempo massimo di attesa di 40 minuti, salvo eccezioni. I pezzi richiesti dopo le 13.30 del venerdì saranno disponibili il lunedì successivo al turno di distribuzione delle ore 9.45.

L’utente può richiedere al giorno:

• entro le  9.45:  3 unità di conservazione
• entro le 11.30:  3 unità di conservazione
• entro le 13.00:  2 unità di conservazione
• entro le 15.30:  2 unità di conservazione

può altresì mantenere nello scaffale personale fino a 4 unità di conservazione.

Per alcuni nuclei documentali sono previste modalità specifiche di consultazione.

Archivi di Architetti e Ingegneri

La consultazione del materiale archivistico pertinente agli archivi di architetti e ingegneri deve preventivamente essere concordata con la Sezione responsabile inviando una mail con in oggetto l’indicazione “Richiesta di consultazione ARCHIVI DI ARCHITETTI E INGEGNERI”, al seguente indirizzo: acs.privati@cultura.gov.it.
La prenotazione deve contenere un numero massimo di quattro pezzi, completi delle segnature. Le richieste generiche o incomplete non verranno prese in considerazione. Per problemi di conservazione, le richieste devono pervenire entro il giorno di martedì  e saranno evase entro il giovedì successivo. La documentazione verrà lasciata a disposizione per una settimana sugli scaffali degli studiosi.

Fondo RICOMPART

La richiesta di consultazione dovrà essere inviata con una settimana di anticipo all’indirizzo mail: maurizio.diruzza@cultura.gov.it.

Fondo SGI – SOGENE

La consultazione delle serie grafiche del fondo SGI – SOGENE deve preventivamente essere concordata con il funzionario responsabile (dott.ssa Simonetta Ceglie) inviando una mail con in oggetto l’indicazione “Richiesta consultazione SOGENE”, ai seguenti indirizzi: simonetta.ceglie@cultura.gov.it.

MATERIALE BIBLIOGRAFICO

Per consultare i volumi con collocazione COLL.CASMEZ, conservati presso il deposito di Pomezia, è necessario preventivamente prendere accordi telefonicamente al numero + 39 06 54548491 oppure inviare una email di richiesta all’indirizzo di posta acs.biblioteca@cultura.gov.it

Per Documentazione relativa all'Araldica e alle Raccolte speciali accedi QUI.

Per la consultazione degli autografi di Mussolini è necessario effettuare la prenotazione inviando una e-mail ad acs.salastudio@cultura.gov.it e per conoscenza al funzionario archivista responsabile del fondo dott. Gaetano Petraglia.

Per la consultazione del fondo RICOMPART è necessario effettuare la prenotazione inviando una mail, con una settimana di anticipo, al referente: maurizio.diruzza@cultura.gov.it

La pagina contiene le liste del materiale documentale momentaneamente escluso dalla consultazione.

La pagina contiene le liste del materiale documentale momentaneamente escluso dalle ricerche per corrispondenza.

Direttore della Sala studio:
Roberto De Rose
+39 06 54548487

roberto.derose@cultura.gov.it
acs.salastudio@cultura.gov.it

Ultimo aggiornamento 19 Luglio 2022, 16:50